fscalfaro2a

Istituto: D. Borrelli (PIAZZA UMBERTO I 15)

Città: SANTA SEVERINA

Redazione: Apertis Verbis

Dove il tempo si trasforma in spazio

Dove il tempo si trasforma in spazio
Come si va a scuola fin da subito, si impara a leggere, a scrivere e a fare i calcoli, si dovrebbero visitare i musei. Non bisognerebbe mai sottovalutarli perchè sono ricchi di storia, nella sua forma piú bella; tutto ció che è nei musei viene catalogato per bene, questo significa che ogni museo, opera d'arte ma anche ogni monumento, è degno di stare dov'è stato posto. In questi ultimi giorni si è sentito parlare di un fatto che purtroppo si è ripetuto molte altre volte in passato, ed è quello dell'incisione del proprio nome sui muri dei monumenti, in quest'ultimo caso del Colosseo. I monumenti e le opere d'arte andrebbero preservati, incidere il nostro nome su un pezzo di storia sicuramente non ci renderá piú importanti e non ci dará un alcun tipo di speciale riconoscimento. Questo è solo uno dei tanti accaduti che stanno avvenendo negli ultimi tempi, dal momento che si potrebbe anche parlare del ritrovamento di alcuni importanti dipinti sul mercato nero. Le opere d'arte sono pubbliche e devono avere la possibilità di essere esposte e ammirate, non vendute per scopo personale. Se visito i musei? Spesso. Se mi piacciono? Molto. Suggerimenti per migliorarli? Sí. O meglio, avrei dei suggerimenti per migliorare i visitatori, perchè i musei sono perfetti cosí come sono, con i quadri, le sculture e i reperti. I visitatori spesso non si rendono conto del ruolo che devono svoglere. Molte volte, infatti, si limitano a guardarsi intorno senza rendersi conto di chi ha dipinto quelle tele o di chi ha calpestato quelle pietre. Personalmente non vorrei mai trovarmi nei panni di una statua che deve subire tutte le futili parole dette da questi finti turisti. Sará che loro sono persone normali e a me verrá associata la Sindrome di Firenze, ma sicuramente non mi distaccheró dal mio pensiero: quelli che guardano le opere d'arte di sfuggita non se li meritano, i musei.