tuccio23

Istituto: Soverato Liceo Scientifico A.guarasci (VIA AMIRANTE)

Città: SOVERATO

Redazione: EST MODUS IN REBUS

sfrattata dalla burocrazia

sfrattata dalla burocrazia
Giuseppa Fattori è un’anziana di 95 anni che fino all’anno scorso viveva tranquilla la sua vita a San Martino di Fiastra, un comune nelle Marche. L’anno scorso però si è ritrovata ad essere una sfollata dopo una delle potenti scosse di terremoto che ha scosso il centro Italia. Costretta a lasciare il suo paese, si è spostata ed è andata a vivere con le figlie, ma ha sempre sentito il bisogno di stare nel luogo dove aveva sempre vissuto, allora è andata a vivere in un container che possiede la sua famiglia dal 1997, avendolo acquistato dopo un’altra scossa di terremoto in quell’anno. Il problema è che questo container non ha acqua, luce e bagno, allora nel giro di meno di un anno la famiglia ha deciso di far costruire per lei una casetta di legno, in modo da farla rimanere a Fiastra. La casa aveva passato tutte le norme antisismiche ed era perfettamente a regola, tranne per una cosa: la concessione edilizia. Proprio per questo motivo la procura di Macerata ha ordinato che la signora Giuseppa lasciasse la casa, e che essa venisse smantellata. Si è fatto di tutto per impedire che tutto ciò accadesse, tutti i cittadini si sono mobilitati in favore dell’anziana, persino il sindaco, sono stati fatti ricorsi e richieste di ogni genere, ma infine sembra non essere arrivati a nessun risultato positivo, quindi “nonna Peppina”, come la chiamano da queste parti, dovrà lasciare la casetta. La riflessione che si deve fare in questo caso è che la burocrazia nel nostro paese è troppo fiscale, servirebbe un po’ di buon senso e un po’ di umanità, nei confronti di una povera signora che si è ritrovata, a 95 anni, senza la casa dove ha trascorso tutta la sua vita, ed è stata costretta a lasciare il suo paese. Bisogna riconoscere che per quanto sia giusta la burocrazia, dovrebbe essere migliorata per soddisfare le esigenze della popolazione, evitando brutte storie come quella di Giuseppa Fattori.