framat

Istituto: F. Filelfo (Piazza Dell'Unita' 3)

Città: TOLENTINO

Redazione: LES JOURNALISTES

I sogni son desideri…. e paure

 I sogni son desideri…. e paure
Io credo che i sogni siano i nostri più grandi desideri raccontati durante la notte quando la nostra mente lavora senza farsi nessuno scrupolo e nessun problema di natura razionale. Perciò ciò che sogniamo a volte può essere qualcosa che vorremmo o che abbiamo avuto ma che nella nostra realtà non possiamo avere o non abbiamo più... Ma non solo: le paure, i più strani pensieri, si rispecchiano in ciò che sogniamo. Io ci credo molto, Infatti secondo me ogni sogno ha un significato perciò dopo aver sognato cerco di capire cosa sta succedendo in me e quali sono i pensieri che mi portano a fare un determinato sogno più che un altro. Sono anche dell'idea che la scrittura sia molto importante Infatti ho il mio diario personale in cui scrivo tutto quello che penso e sogno. In realtà la maggior parte dei sogni che faccio in questo periodo risultano sempre molto sconnessi, perciò mi è difficile raccontarne uno nuovo in particolare. Però mi piacerebbe parlarvi Dimmi un mio sogno ricorrente quando ero piccola. Mio padre giocava a calcio con i suoi amici e quando ero piccola molto spesso andavo a vederlo giocare, però ogni volta ero molto preoccupata perché sentivo parlare di giocatori che spesso si facevano male allora in questo sogno, sogno di andare a vedere mio padre e tutto d'un tratto si ferisce, dalla ferita non usciva sangue ma delle bende Bianche... Allora io mio fratello preoccupati andavamo in suo soccorso e lui si allontanava perché non voleva farsi vedere ferito. In realtà non voleva farsi vedere perché era morto infatti era una mummia ricoperta da pelle umana, io e mio fratello terrorizzati non sapevamo che fare ma siccome amavamo Nostro padre decidemmo di ricucire la ferita e amarlo nonostante fosse una mummia. Questo sogno può risultare terrorizzante e infatti era l'effetto che faceva su di me ogni volta che si ripeteva, probabilmente era un periodo in cui avevo paura che mio padre si facesse male, o forse avevo solamente paura di perderlo.