La domanda posta nel video è interessante viste le continue nuove proposte culinarie che arrivano dall’esterno a noi italiani, da sempre abituati alla nostra dieta mediterranea. Vegani, vegetariani, crudisti e avanguardisti aumentano nel nostro paese, ma molti fortunatamente rimangono fedeli alle nostre sane e genuine tradizioni. Il cibo è qualcosa che si sviluppa e si elabora nel corso dei secoli per mezzo forse anche di un pizzico di estro, follia e intraprendenza dei singoli. Non si può inventare una pietanza dal nulla, poichè l’arte culinaria non deve prendere i connotati di una qualsiasi moda. L’obbiettivo di tutti i moderni chef sembrerebbe ormai quello di stupire il pubblico non con la qualità dei piatti, ma con l’esasperato tentativo di innovazione. Rimane tuttavia chiaro che sia giusto portare a tavola nuovi gusti. Non è a mio avviso sconvolgente che un cuoco proponga in Italia degli insetti al posto dei gamberetti, ma che la cultura di altri popoli, in questo caso Asiatica, debba essere necessariamente inculcata in altri posti del nostro pianeta. Il desiderio di cenare nei ristoranti etnici per assaporare le abitudini culinarie estere può nascere infatti soltanto dal confronto, forse anche inconsapevole, con le nostre tradizioni

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account