In un mondo come il nostro, in continuo cambiamento e progresso, anche se non sotto tutti gli aspetti, si rivela fondamentale l’innovazione: dall’industria edile a quella dell’energia, dalla medicina all’informatica, tanto per citare qualche esempio, e ovviamente l’universo della cucina non fa alcuna eccezione. Il cibo ha da sempre esercitato un fascino incredibile su grandi e piccoli e continua tutt’ora a farlo, basti pensare alle decine di programmi culinari in onda sulle numerose emittenti televisive e ce ne renderemo conto… Costretti a servirsi di un budget sempre più ristretto, ossessionati dall’ambizione di presentare piatti innovativi e gustosi, ma incatenati dalla mancanza di tempo, prendere spunto da qualche ricetta vista in Tv, veloce e facilmente riproducibile è d’obbligo, e sempre più persone si appassionano a questo tipo di esposizioni; pertanto, al fine di non ripresentare sempre la stessa solfa, la ricerca e la sperimentazione di qualcosa di mai visto sono all’ordine del giorno, per non deludere nessuno. La seconda faccia della medaglia riguarda poi l’ossessione per la dieta, perché se è vero che cucinare e gustare il frutto del proprio lavoro è incomparabile, possiamo definire tale anche lo sforzo che si è costretti a fare per smaltire i chili di troppo, e giù nuove ricette, consigli, super-rimedi ipocalorici, stranamente consigliati dalle stesse televisioni, addirittura dai medesimi canali! Tutto cambia, tutto passa e il treno della gastronomia va preso al volo da chi intende innestarvi un marketing forte e sempre al passo coi tempi: si rivela di vitale importanza, dunque, la realizzazione di piatti moderni, stravaganti e impressionanti, come quelli della “cucina molecolare”; viene da sé, dunque, il motivo per cui anche l’occidente sia stato investito, di recente, dall’arte culinaria orientale, soprattutto asiatica. Pietanze a base di larve, grilli o addirittura scorpioni, hanno oltrepassato la frontiera e vengono quotidianamente spediti a ristoranti e supermercati che ne stanno lentamente avviando il commercio, interessando l’opinione pubblica, altrimenti all’oscuro di tutto, o quantomeno diffidente. Eppure i risvolti non sono da considerarsi puramente utilitaristici e materiali, non a caso, l’ “exploit degli insetti” si è avuta con la sconvolgente scoperta riguardante la dannosità delle carni rosse di derivazione suina e bovina, la cui fruizione potrebbe essere rallentata dall’impiego nell’alimentazione di questi nuovi cibi più accessibili e con proprietà nutritive altrettanto interessanti. Così, persino nel campo del mangiare, uno dei più amati dall’uomo, sarebbe inutile contestare le rivoluzioni, poiché sono inarrestabili e in qualche caso, forse come in questo, necessarie.
Giovanni Vinchi

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2023 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account