I nuovi cibi sono per lo più OGM (Organismi Geneticame Modificati), cosa significa ciò?
Ciò significa che la maggior parte dei cibi che noi ingeriamo sono frutto di uno studio di laboratorio, quindi a meno che non ci mettiamo a coltivare noi stessi ciò che mangiamo, avremo sempre a che fare con qualcosa di apparentemente nocivo. Dico apparentemente perché non è detto che tutti i cibi siano tossici, anzi , ultimamente si è cercato di creare cibi ricchi di nutriuenti e privi di colesterolo.
Si è poi svilupata parecchio anche la cultura vegana, che consiste nell’astensione totale dal mangiar carne e tutto ciò che proviene da un animale. I nuovi cibi arrivati sul mercato sono seitan, tofu, alghe. Quest’ultimo prodotto fino a qualche tempo fa nessuno si immaginava di mangiare.
La globalizzazione ha comunque contribuito parecchio alla diffusione di nuovi cibi, da prima sconosciuti a determinate culture, ma che via via hanno preso piede e che ora sono affermate nel panorame mondiale.
Fino a un anno fa nessuno si sarebbe mai aspettato che gli insetto sarebbero diventati un cibo commestibile, e invece Expo 2015 ha portato anche a questo. Gli insetti come cibo sono sempre stati un tabù per tutti, ma non molti sanno che sono molto più nutrienti di certi alimenti che ingeriamo tutti i giorni,e che quindi potrebbero aiutare il pianeta a consumare meno risorse animali e vegetali, dato che gli insetti si riproducono in maniera esponenziale e che la loro aspettativa di vita è solamente di qualche giorno.
Certo io personalmente non mi definisco un amante degli insetti, e se qualcuno mi chiedesse di mangiarli gli risponderei un secco NO!
Ma non escludo che tra una decina d’anni nei paesi europei, troveremo tanti ristoranti che venderanno piatti a base di insetti, quanti sono oggi i ristoranti cinesi, piuttosto che indiani etc..

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account