Il “cibo” è considerato uno dei principali bisogni primari dell’uomo.
Infatti l’uomo con il passare del tempo a sempre cercato di trovare nuovi sapori da inserire nei piatti ed ha sempre provato a rinnovare i cibi e creare nuovi piatti con prodotti prima inutilizzati.
I cibi variano molto da stato a stato basti pensare all’esempio dell’italia dove la cultura e la tradizione promuovono cibi sani che fanno bene e all’America dove la maggior parte dei cittadini mangia in fast food e si nutre con cibi spazzatura.
Ci sono anche paesi meno sviluppati di altri dove esistono malattie legate ad una scorretta alimentazione e ci sono anche zone nel mondo che, pur di arricchirsi economicamente, inventano cibi sempre nuovi.
Dare spazio alla fantasia e creare piatti innovativi o bizzarri non trovo sia così dannoso; l’importante è che non vada a “rompere” gli equilibri della natura.
D’altra parte si sa che trovarsi davanti un piatto di larve magari accompagnate con delle salse, non faccia impazzire ma nella storia dell’ ”evoluzione del cibo”, esiste già da un po’ di anni, infatti abbiamo trovato questo tipo di piatto anche all’Expo e sembra essere stato molto apprezzato.
Grazie a questo evento si sono potuti sperimentare e offrire a un vasto pubblico dei prodotti nuovi e capire se questi cibi possano entrare nelle case come cibo quotidiano.
Detto ciò, di cibi che soddisfano e nutrono a pieno il nostro corpo, il mondo, ne è provvisto, il voler lanciarsi nella sperimentazione di strane ricette, penso solo sia un nuovo modo di fare “business”.
Colombo Jessica 4°AAF

0
1 Comment
  1. mohamed2014 5 anni ago

    Post molto ben espresso , a parer mio hai generato un bel articolo ,esteso, organizzato e sicuramente ci hai dedicato del tempo.
    Sei stata/stato molto brava/o a scegliere l’immagine che raffigura bene l’argomento.
    ciaoooooooo un altro saluto.

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account