In questo periodo si sta parlando delle polveri sottili che “volano” sulle maggiori città d’Italia; l’inquinamento è un problema che colpisce tutti ed ha ricadute pesanti soprattutto sugli animali. Basti pensare a tutto il petrolio presente nei nostri mari che ogni hanno uccide migliaia di pesci o ai pesticidi presenti nelle nostre montagne che uccidono anche i predatori più grandi .Siamo ormai in un’era fatta di consumismo. La terra sta cambiando, si costruiscono sempre più città, fabbriche . Le foreste vengono abbattute e l’abitat , l’ambiente naturale in cui vivono gli animali viene trasformato: in questo caso ci sono specie che si adattano e ce ne sono molte che però vanno incontro alla morte.
Altro causa di estinzione è la caccia, quella spropositata, senza regole come per esempio il bracconaggio.Molti animali vengono uccisi per ricavare pellicce, molti per puro sfizio . Alcune specie vengono però catturate vive per essere “sistemate” in zoo al solo fine di lucro .
Ma noi che cosa possiamo fare per combattere tutto ciò? Potranno nascere più associazioni come il wwf che proteggano gli habitat, potremmo risparmiare sul consumo di carburante per ridurre il consumo di petrolio. Dobbiamo fare qualcosa subito, mettendo da parte il consumismo e pensando di più all’ambiente che ci circonda e che per colpa nostra si deteriora ogni giorno di più

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account