Recentemente si è acceso il dibattito sull’uso degli auricolari a causa di alcuni tragici incidenti: un ragazzo è morto investito, un altro attraversava i binari senza prestare attenzione al treno che sopraggiungeva. In Italia è in vigore una legge del 1993 che prescrive il divieto di attraversare la strada utilizzando apparecchi elettronici. Ci si chiede se sia necessaria una legge ancora più restrittiva. È il caso di imporre il divieto di circolare per strada con gli auricolari? Pare ridicolo: non sarebbe invece il caso di affidarci al buon senso della gente? Beh, direi di no, non è il caso, per il semplice motivo che la gente non ha buon senso. O meglio: il buon senso va, per così dire, aiutato e allenato. A ragionare diversamente, si potrebbe dire: è il caso di comminare una sanzione penale a chi ruba? Non sarebbe invece il caso di affidarsi all’onestà delle persone? No, perché non tutti sono onesti. E così, non tutti hanno buon senso. Le statistiche riferiscono di 3000 incidenti causati dagli auricolari nei soli Stati Uniti, Io ritengo che imporre alle persone di prestare attenzione a quello che succede loro intorno lungo le strade cittadine sia opportuno. Bisogna anche considerare che non basta comportarsi in maniera consona, ma occorre essere vigili per reagire a eventuali comportamenti scorretti degli altri: attraversare sulle strisce pedonali o con l’omino verde sul semaforo può non bastare, nel caso piuttosto frequente di automobilisti indisciplinati. Perché un conto è avere ragione, e un altro è uscire indenni da un impatto con un’automobile…

0
1 Comment
  1. mikyreporter 6 anni ago

    Il tuo articolo

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account