Spesso si parla di incidenti stradali, ma non sempre causati da alcool o droghe. Nella realtà di oggi, dove domina la tecnologia, anche gli oggetti più innocui come gli auricolari potrebbero mettere in pericolo le nostre vite. Queste tragedie potrebbero essere evitate se sia i pedoni che gli automobilisti non fossero distratti dai propri smartphone. Si cerca dunque di intervenire stilando delle leggi affinché non si registrino ulteriori vittime.
La cronaca parla di frequente di malcapitati che, a causa di un banale oggetto di svago, incombono in spiacevoli situazioni che, nel peggior dei casi, potrebbe mettere a rischio la loro vita. Proprio qualche settimana fa due adolescenti del modenese sono stati protagonisti dell’ennesima tragedia: un ragazzo di 17 anni è stato investito da un auto, mentre il suo coetaneo di 15 è stato urtato da un treno mentre attraversava i binari, entrambi adesso ricoverati in prognosi riservata. La causa dell’incedente è stata la stessa per tutti e due i ragazzi: indossavano le cuffiette al momento dell’accaduto. Questo ci dice come il normale utilizzo di questi oggetti mentre si è per strada aumenti il pericolo e soprattutto l’indice delle vittime stradali, e come la poca attenzione, che spesso diamo per scontata, possa essere fatale. Tuttavia la prudenza non deve riguardare solo chi cammina con le proprie gambe, ma anche chi è al volante, poiché spesso sono la causa di numerose vittime proprio per colpa degli auricolari.
In Italia esiste già una legge emanata nel 1993 che vieta l’utilizzo delle cuffiette agli automobilisti, ai ciclisti e ai motociclisti. Alla violazione di questa legge, vi è una sanzione di 160 euro. Ma quest’ultima è sufficiente? Si sta dunque pensando ad una norma che vieti anche ai pedoni l’utilizzo degli auricolari per strada affinché si riduca al minimo la percentuale degli incidenti stradali.
In America si sono già presi dei provvedimenti, in quanto muoiono circa 3 mila pedoni all’anno per colpa degli auricolari o dei cellulari: la legge vieta ai pedoni l’utilizzo di cellulari ed altri dispositivi quando si attraversa la strada.
Anche in Francia, dal luglio del 2015, è stata varata una legge dove viene vietato l’uso delle cuffiette mentre si è alla guida.
Ma è davvero necessaria una normativa oppure basta il buonsenso di ognuno?
Personalmente sono solita adoperare il cellulare ed indossare gli auricolari mentre sono per strada, ma presto attenzione, togliendo anche una cuffia dall’orecchio. Mi è capitato anche che rischiassi di essere investita, ma non per mia disattenzione.
Penso che una semplice regola non ridurrà l’indice di mortalità stradale, poiché può essere sempre violata. Tuttavia, la nuova legge sull’omicidio stradale potrà far fronte a questo problema, in quanto la pena non è una banale multa, ma il carcere.
Il buonsenso dunque, non dovrà riguardare solo i pedoni, ma soprattutto gli automobilisti, in quanto conducenti del mezzo attraverso il quale si uccide.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account