Negli Stati Uniti muoiono circa 3000 pedoni all’anno a causa dell’uso degli auricolari.
Negli ultimi anni, la moltiplicazione di smartphone e dispositivi tecnologici altamente innovativi ha determinato una vistosa intensificazione dell’utilizzo della cuffie; vengono impiegate per telefonare e ascoltare la musica, e non è infrequente vedere per strada persone diverse che ne fanno uso: sopratutto ragazzi, ma anche adulti e professionisti.
Spesso, tuttavia, si rischia di non considerare quelle che possono essere le problematiche associate a un loro impiego scorretto: l’ascolto a decibel elevati della musica attraverso gli auricolari rappresenta un pericolo per l’udito; ancora peggio, gli ultimi modelli lanciati sul mercato, che avvolgono completamente i padiglioni auricolari impedendo il passaggio di rumori esterni, creano attorno all’utente una barriera di isolamento pericolosamente distraente. Chi cammina per strada assorbito dalla musica rischia di non cogliere segnali d’allarme importanti: il passaggio di una macchina, tipicamente, ma anche sirene o avvertirmi. Questo non vale solo per i pedoni ma anche per chiunque faccia uso di cuffie in contesti rischiosi.
In alcuni paesi sono state approvate leggi piuttosto drastiche che limitano l’utilizzo di auricolari per prevenire incidenti; anche in Italia nel 1993 è stato emanato un provvedimento che vieta l’utilizzo di cuffie o auricolari per ciclisti e automobilisti, equiparando questo accessorio al telefonino, pena una multa di 160 euro.
La casistica smentisce la validità dia questa legge: è praticamente impossibile controllare effettivo utilizzo degli auricolari da parte delle categorie in questione e in ogni caso la questione dovrebbe appartenere al buon senso comune: la schermatura che producono le cuffie rispetto al contesto esterno dovrebbe creare in ciascuno un’impressione di isolamento artificiale che non può non spaventare nel momento in cui si ha la consapevolezza di trovarsi in ambienti potenzialmente insidiosi.
Inoltre, è praticamente impossibile riuscire a notare queste minimalezze; la soluzione si basa utilizzo delle corretto o meno delle cuffie riuscire.
Quando si usano gli auricolari bisogna avere solo buon senso.

0
1 Comment
  1. mikyreporter 4 anni ago

    Il tuo articolo

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account