Noi giovani oggi utilizziamo in modo esagerato il cellulare, oppure capita a tutti che durante la giornata si ascolta la musica con gli auricolari. Spesso siamo così attratti che non ci rendiamo conto dove ci troviamo. Quando si va a scuola o appena si esce tutti ci mettiamo al cellulare oppure prendiamo subito gli auricolari e ascoltiamo la musica: molti studenti all’uscita di scuola vanno alla stazione degli autobus per tornare a casa e quando devono attraversare la strada essendo coinvolti dalla musica attraversano senza neppure guardare se passano macchine, e se il guidatore non fa attenzione rischia di prenderli con la sua automobile. Io quando esco da scuola torno a casa in auto e si crea un traffico pazzesco e il guidatore non deve stare attento solo alle auto ma anche ai pedoni che non si rendono conto che stanno attraversando la strada e rischiano di essere investiti. Questo non è pericoloso solo per i pedoni ma anche per i ciclisti che svolgono il loro hobby sulle superstrade oppure in una normale strada con gli auricolari e la musica alta. Per le auto, le moto, e per i ciclisti ci sono delle leggi in vigore ma per i pedoni no. Non è necessaria una legge perché alcuni le leggi non le rispettano ma basta avere un po’ di buon senso e stare attenti a quello che si fa, perché se siamo coinvolti in un incidente possiamo farci male oppure perdere la vita e questo va a nostro svantaggio.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account