La musica fa parte della nostra vita. Isolarci dal mondo spesso è la soluzione giusta, per calmarci, per dimenticarci dei nostri problemi o per scaricare lo stress. Per molti la musica è una vera e propria compagna, che dona alla vita un ritmo tutto diverso.
In molte situazioni, un paio di auricolari sono di vitale importanza. Quando però si tratta di sicurezza, non mi pare un problema sconnettersi per un attimo da quel mondo lontano. Come possiamo correre il rischio di farci male o di mettere in pericolo altre vite? Attraversare la strada quando uno dei nostri sensi è offuscato, o focalizzato su qualcos’altro, è come camminare su una fune, dove la nostra vita è in equilibrio precario.Quando si tratta di sicurezza, una legge non è mai fuori luogo.
Nel 2016, però, problemi come questi sono risolvibili: con questo mi voglio riferire a una nuova tipologia di auricolari: quelli a conduzione ossea. Con una piccola ricerca sul web, ho scoperto che, durante la recente maratona di Manchester, siano state le uniche cuffie ammesse, perché gli atleti potessero ascoltare la musica e allo stesso tempo sentire le indicazioni degli organizzatori. Si tratta di una tecnologia che sfrutta le ossa del cranio per trasmettere i suoni all’orecchio interno. L’auricolare è posizionato sulla tempia e sulla guancia e converte i segnali elettrici in vibrazioni a differenza delle cuffie tradizionali che invece sfruttano i timpani.
Quindi la soluzione al problema esiste; un problema sopravvalutato, che può portare a gravi conseguenze.
Perciò, a meno che non abbiate provato questi nuovi auricolari, godetevi la musica in casa, in giardino, seduti sul treno o in autobus… ma non rischiate per cose futili e tenetevi stretto ciò che di più caro avete: la vostra vita.

0
1 Comment
  1. ricanews 4 anni ago

    Articolo molto bello e interessante, scritto bene e in modo scorrevole. Particolare e molto originale l’idea della proposta di una forma di auricolare alternativo che permette di mantenere l’attenzione e a sentire quello che succede intorno a chi li indossa. Nel frattempo condivido l’importanza di usare il buonsenso e ascoltare musica quando non si va in giro.

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account