Una volta effettuato l’accesso su Facebook, si può leggere davvero di tutto. Capita spesso di venire a sapere che il nostro cantante preferito è stato arrestato o che ha deciso di smettere di organizzare concerti, per poi scoprire che si trattava di una Cyber-menzogna. Ma il vero motivo per cui sul nostro social network preferito circolano queste false notizie, qual è? Solitamente si tratta di semplici prese in giro create da ragazzini che sfruttano l’ingenuità degli utenti, in altri casi potrebbero essere degli hacker a creare le bufale del web con lo scopo di guadagnare dei soldi.
Prevenire la diffusione di queste false notizie è quasi impossibile, possiamo però difenderci da tutto ciò evitando di cliccare sul link che ha scaturito in noi un dubbio, per poi fare una veloce ricerca su internet.
Bisogna sempre evitare di condividere le Cyber-menzogne in modo da non contribuire alla diffusione di esse.
I profili falsi, invece, come si possono smascherare? Semplice! Prima di tutto bisogna sapere che i “fake” hanno diverse caratteristiche: l’immagine del profilo è presa dal web, gli amici sono pochi ed il profilo è raramente attivo. Considerato ciò si può procedere con una ricerca inversa su Google o, semplicemente, analizzare velocemente il profilo.

Commenti
  1. unanuovaalba 7 anni ago

    Articolo chiaro, corretto e appassionante. Uno stile di scrittura di buon livello. Purtroppo mi chiedo quante persone siano pronte a porre fine alla diffusione di syber menzogne facendo ricerche informative, come hai illustrato: poche persone probabilmente, in questa societ

  2. sarabee 7 anni ago

    Mi piace moltissimo questo articolo! In poche righe sei riuscito a riassumere tutto ci

  3. gianmarcom 7 anni ago

    Un articolo veramente ben riuscito,

  4. bambi97 7 anni ago

    Trattazione completa e approfondita dei motivi e delle modalit

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account