Spesso navigando sui vari Social Network, soprattutto su Facebook, andiamo incontro a delle “cyber-menzogne”.
Alcune sono delle vere e proprie “bufale”, cioè tutto il contenuto è interamente frutto della fantasia dell’autore; altre possiamo definirle delle “semi-bufale”, l’informazione in sè è vera, ma è stata riportata o interpretata male.
A volte, nelle bacheche dei Social Network, appaiono dei titoli incisivi per catturare l’attenzione dei visitatori, ma, aprendo il link, il nostro dispositivo tecnologico (pc, smartphone, tablet…) è vittima di virus.
Molte persone credono a queste notizie ed esse vengono condivise su altri Social Network e si diffondono in un battito di ciglia.
Queste piattaforme web possono essere, in alcuni casi, valide; in altri, soprattutto informativi e culturali, molto spesso ci ingannano.
Un consiglio: documentatevi attraverso quotidiani o telegiornali, le quali notizie sono vere, per evitare di essere vittime di “balle spaziali”.
A volte penso che si dovrebbe fare un salto temporale nel passato, quando queste piattaforme web non esistevano e ci si documentava soltanto attraverso fonti attendibili, quali i giornali.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account