Ogni giorno sempre più notizie intasano i social network e bombardano la nostra vita quotidiana.Non sempre, però, ciò che viene pubblicato è attendibile. Un cospicuo numero di queste, infatti, non sono veritiere. Queste notizie vengono definite bufale, cioè notizie inventate o modificate per ottenere più visualizzazioni dagli utenti e di conseguenza una maggior popolarità in rete. Ciò porta ad aumentare il numero di visite giornaliere e quindi le entrate finanziarie del proprietario e amministratore del sito da cui provengono le suddette.
Il sistema della rete, infatti, dipende direttamente dalle visualizzazioni ottenute dalla pagina e/o video di ogni genere: maggiore è il loro numero, maggiori saranno le compagnie pubblicitarie che li sponsorizzano.
Una delle cause dell’inaffidabilità delle notizie sul web, soprattutto giornalistiche, b è la necessità di stare al passo con i tempi immediati della nuova società. Ciò li obbliga a pubblicare il più in fretta possibile aggiornamenti in tempo reale, senza la possibilità di accertarsi delle fonti.
Un buon modo per proteggersi dalle bufale che ogni utente può attuare, durante la navigazione, sarebbe consultare più fonti per accertarsi che ciò che hanno letto sia veritiero.
In una società, sempre più schiava dello schermo, diventa assolutamente necessario avere una visione critica delle notizie e poter contare su dati certi. Non bisogna prendere per oro colato le notizie di internet ed è consigliato, quando vengono pubblicate le fonti della pagina, andare ad accertarsi dell’origine e dell’esistenza delle fonti stesse. Un altro efficace modo per smascherare le bufale è quello di leggere recensioni e commenti di altri utenti che hanno precedentemente visitato il sito.
È sempre bene ricordare e applicare il famoso detto: «fidarsi è bene non fidarsi è meglio!» e non essere superficiali su ciò che si legge.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account