Il quotidiano britannico “Mirror” e molte testate giornalistiche italiane hanno dato, qualche mese fa, un catastrofico annuncio, che è diventato rapidamente virale su internet: un meteorite gigante avrebbe dovuto colpire la Terra nei giorni compresi tra il 22 e il 28 settembre, a detta di un gruppo di scienziati della University of Central Lancashire nel Regno Unito, coordinato dal professor Robert Walsh, secondo il quale, in quei giorni, una pioggia di meteoriti, in grado di provocare terremoti e tsunami, avrebbe potuto colpire la Terra. Questa è una delle ultime bufale del web, ma di sicuro non l’ultima. Queste sono infatti notizie false che vengono messe in rete. Alcune sono facili da individuare, altre sono semplici bugie, altre ancora palesi assurdità. Ma, in molti casi, le falsità diffuse in maniera irresponsabile da individui poco informati, o in mala fede, possono diventare pericolose. Quando si parla di argomenti tecnici, come nell’ambito scientifico o medico, riconoscerle diventa molto difficile. Il modo più sicuro per non cascarci è uno solo: non credere a nulla di ciò che leggiamo su internet. In questo modo si evitano tutti i pericoli. Se si vuole invece riconoscerle, non bisogna fidarsi di un unico sito, ma bisogna consultarne altri, controllando se c’è la stessa notizia e, ovviamente, riferendosi a fonti attendibili!

0
1 Comment
  1. cusumano98 6 anni ago

    Le bufale, sin dalla storia antica, sono sempre esistite. L’uomo, per

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account