Il signor Schiavon Gianluigi ci chiede di parlare dei nostri metodi contro le carogne!
Io, nei primi anni che ero arrivata in Italia non sapevo il significato della parola carogna, ma la subivo! Tutti i miei compagni di classe ridevano di me perché non conoscevo cosí bene l’italiano quanto loro e anche perché non avevo il fisico bello come il loro, io ero un po’ cicciottella e quindi loro dicevano che con loro non potevo stare!
Da allora, io ho imparato a non ascoltare tutto quello che loro mi dicevano e di non dare molto peso alle brutte parole delle persone che non mi conoscono! Piano piano ho anche imparato che queste persone ridono e parlano male di una persona indifesa solo perché ci sono gli/le amici/amiche vicino e vogliono fare il bullo/a ma questi/e ragazzi/e non capiscono che facendo cosí avranno una brutta reputazione!
Lascoate stare le persone indifese perché ci sono che sono molto piu sensibili e possono arrivare a levarsi la vita per colpa di qualcuno che rideva di essa! E poi ci sono quelle persone che sono un po piu forti e riescono a passare questo ostacolo anche perche hanno avuto il coraggio di dirlo a una persona come un genitore o un insegnate che lo ha potuto aiutare.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2018 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account