La plastica ha ormai invaso il mondo, ma soprattutto gli oceani. Tra qualche anno se non si prenderanno dei seri provvedimenti nell’ oceano non ci saranno più i pesci ma un’ infinità di plastica, basti pensare che sono stati trovati molti oggetti di questo tipo, tra cui il polietilene, cioè la plastica dei sacchetti per la spesa. La maggior parte delle cose che girano intorno a noi sono di plastica, essa viene consumata in una maniera esorbitante, d’ altra parte ogni cosa che compriamo è avvolta in sacchetti o pellicole di plastica, l’ acqua che prima era nelle bottiglie di vetro adesso è in quelle di plastica, sono pochissime le persone o forse quasi nessuno che ha l’ acqua nelle bottiglie di vetro, perché esso ormai è scomparso, la frutta e la verdura comprandole le mettiamo in delle buste di plastica e poi anche nelle nostre case ci sono diversi oggetti di plastica. Negli ultimi anni l’ uso della plastica è aumentato in maniera spropositata, perché quest’ ultima è leggera ma allo stesso tempo anche economica. Tutti noi dovremmo stare più attenti a non disperdere la plastica nell’ambiente e di fare soprattutto un’ ottima raccolta differenziata e mettere quest’ ultima nei dovuti sacchetti. Facendo così magari la situazione in futuro potrà migliorare, speriamo anche che il contributo di noi giovani possa aiutare a risolvere il problema, soprattutto per il fatto che nelle scuole insegnanti e bidelli ma anche alunni sono molti attenti alla raccolta differenziata .

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account