Siamo i giovani cresciuti nell’era digitale, nella quale i social network sostituiscono le relazioni sociali e le lettere arrivano solo tramite posta elettronica. Molti insegnanti ormai incoraggiano i loro alunni ad utilizzare ebook al posto di formati cartacei e alcune scuole forniscono addirittura tablet gratuiti da sostituire a libri e quaderni. Gli adolescenti hanno quasi del tutto dimenticato il piacere di sfogliare le pagine ricoperte di inchiostro o quello di ricevere una romantica lettera nella cassetta della posta dal proprio amato. Così si utilizzano sempre di meno le penne e il corsivo diventa una lingua ostrogota imparata da scolaretti con i colletti in pizzo. Che bello sarebbe abbandonare per un giorno la tecnologia e scambiarsi biglietti scritti a mano, con disegni, frasi dolci o di supporto! Tornerebbero quella magia e quello stupore che stanno pian piano svanendo a vantaggio della monotonia dei messaggi su Whatsapp e delle e-mail di spam. Sono la prima a supportare la tecnologia e a ritenere che sia un grandissimo vantaggio, ma non bisogna mai esagerare a discapito dei rapporti sociali e della scrittura a mano. Ricordate che la virtù sta nel mezzo.

0
1 Comment
  1. papaguena 5 anni ago

    Ciao ricanews! Bell’articolo, semplice, scorrevole e breve ma completo. Condivido le tue osservazioni e opinioni personali e reputo molto accattivanti sia il titolo scelto che l’immagine e la conslusione. ComplimentI per la brevit

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account