Quarantacinque anni fa nasceva la “chiocciola” (@) grazie a Raymond Tomlinson. Da allora l’utilizzo della posta elettronica per scambiarsi corrispondenza è aumentato parecchio. Oggi per inviare qualsiasi messaggio si utilizza l’elettronica, non solo perché è più economica ma anche perché con essa i messaggi arrivano in tempo reale. Certamente l’utilizzo di queste tecniche ha favorito la comunicazione ma ha anche fatto perdere l’abitudine, e la voglia, di scrivere a penna. Si è creata dunque una sorta di dipendenza.
Dopo aver passato molto tempo scambiando messaggi “in diretta” non è facile privarsene completamente. Io personalmente non credo che riuscirei a stare molto tempo senza perché, purtroppo, ormai dipendiamo troppo dal digitale.
Certamente sarebbe una buona idea staccare la spina per un giorno e dedicarsi alla scrittura con la penna. Scrivere una lettera ad un’amica utilizzando dopo tanto tempo carta e penna potrebbe essere un modo per rimanere attaccati alle vecchie tradizioni e distaccarsi un poco dalla tecnologia che, seppur ha anche lati positivi, sta prendendo il sopravvento nelle nostre vite

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account