il tema di questa settimana mi ha incuriosito un po’ ;
oggigiorno per comunicare ed esprimere i nostri pensieri e le nostre emozioni basta poco, grazie al digitale;
invece se andiamo indietro nel tempo vediamo che non c’era tutto questo, e per comunicare si scrivevano le lettere, ma in molti erano analfabeti, non tutti erano capaci di leggere e scrivere.
in teoria ai nostri giorni non ci dovrebbero essere questi problemi, ma invece a forza di scrivere velocemente e abbreviato nelle chat, e di usare quelle emoticon che hanno preso il posto delle vere emozioni, molti ragazzi stanno diventando analfabeti.

parte tutto nella chat, dove i ragazzini scrivono parole abbreviate per fare più veloce e poi continua a scuola, nei compiti in classe magari, dove si dovrebbe scrivere un italiano corretto invece di ‘parole in codice’ ma oramai questi ragazzi sono abituati con il digitale e sbagliano tutto.
si inizia così, e poi più si va a avanti e più si peggiora.

a parere mio, un giorno senza e-mail e messaggi andrebbe davvero benissimo; proprio ad usare di nuovo la penna come si faceva più indietro con gli anni.
provare non costa nulla, e magari ci evita di diventare ‘dipendenti’ dal digitale.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account