Il diritto all’oblio compie esattamente un anno. Era il 13 maggio 2014 quando la Corte di giustizia dell’Unione Europea, rispondendo al reclamo di un cittadino spagnolo, González, stabiliva che in assenza di una risposta da parte di un sito web toccava al motore di ricerca occuparsi dell’eliminazione di contenuti ritenuti lesivi o eccessivi rispetto ai diritti della persona. Con la frase “diritto all’oblio” si intende una forma di garanzia che prevede la privacy nei confronti di una persona. Negli ultimi tempi, si sente sempre più parlare di condanna ricevute a causa della diffusione illegale dei dati relativi a persone. Quali sono, quindi, le regole più importanti affinché ciò non avvenga? Una cosa importantissima sarebbe quella di dare alle persone la possibilità di dimenticare eventi negativi della loro vita. Internet dovrebbe semplificare la cancellazione totale di informazioni passate perché tutto ciò che viene diffuso in rete, resta ed è possibile che chiunque si ritrovi a leggere qualcosa relativa al passato possa farsi un’opinione negativa sulla persona in questione. In generale, si dovrebbe fornire a tutti gli utenti la possibilità di modificare i propri dati e le proprie informazioni a piacimento evitando di farli diventare possesso della rete in modo da dare a tutti la propria privacy.

0
1 Comment
  1. martalol 4 anni ago

    secondo te quale sarebbe un modo per fornire l’opportunit

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account