‘’perdonami ”, ”sono cambiato”, ”ti amo ”: sono tutte frasi pronunciate da uomini violenti e spietati alle donne vittime dei loro abusi. Sono molte le donne che ogni giorno subiscono violenze tra le mura domestiche, magari davanti ai figli che assistono impotenti. Nel passato le donne venivano poco considerate, potevano maltrattarle subivano le imposizioni dei fratelli, del marito o dal padre. Nel 2015 però è inammissibile che una donna non sia libera e abbastanza forte da non lasciarsi condizionare da un amore malato. Un esempio molto forte di donne sfigurate nell’anima e nel volto è quello di Katie Piper, che venne sfigurata dall’ex fidanzato. Quest’uomo è riuscito a colpire la cosa più importante per la carriera di questa ragazza; la bellezza, è come se le avesse lanciato un messaggio molto forte: se distruggo la tua bellezza non potrà amarti nessun altro e la tua carriera sarà rovinata. Il difetto più grande che spinge questi uomini vili e crudeli a commettere così violenti è la mancanza di stabilità, la fragilità e la voglia di distruggere gli altri forse perla mancanza di un legame familiare consolido, di carriere sociale soddisfacente; oppure una forma innata di crudeltà. La difesa principale per combattere questo fenomeno, è la consapevolezza che ogni donna deve avere, cioè quella di essere abbastanza forte per difendersi, tramite denunce e reclami, e se questo non funziona, ogni donna dee iniziare a lavorare su se stessa deve stimarsi, deve emanciparsi economicamente rispetto ad un uomo che spesso la sottomette senza amarla, uscendo cosi dal vortice di un amore distruttivo.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account