Sempre più spesso si sentono casi di donne sfregiate dall’acido per mano di individui talvolta gelosi, possessivi o invidiosi. Questo è un fenomeno ormai sempre più in espansione non più compiuto soltanto dalla mafia per un fine vendicativo, ma anche da gente che ha evidentemente istinti violenti e crudeli. Questa pratica è da bloccare in tempi immediati, ma il primo passo deve essere compiuto dalla donna stessa. In caso di minacce e stalking occorre subito denunciare agli enti preposti, ma ancor prima bisogna apportare cambiamenti alle norme di tutela vigenti. L’istituzione di provvedimenti legali più severi come deterrenti, associazioni atte alla divulgazione di informazione e supporto non solo alle donne ma all’intera società renderebbero costantemente informata la popolazione, obiettivo su cui occorre agire. Infatti lo scopo comune che si deve raggiungere è rendere ben radicata la convinzione di quanto sia disumano questo gesto che non rispetta minimamente i diritti umani, per la conquista dei quali il popolo si è battuto per millenni. La libertà della donna o uomo che sia è un valore che non può e non deve in nessun caso essere violato; lo scopo della storia antica è stato conquistarlo, ed ora che finalmente è stato raggiunto non dobbiamo fare altro che difenderlo.

Commenti
  1. federotulo 7 anni ago

    Si, forse una sensibilizzazione relativa a questi gesti raccapriccianti potrebbe essere efficace, ma non dimentichiamoci che i ragazzi vengono influenzati maggiormente dai genitori, i quali credono di dare “il meglio” al figlio. Ma spesso non

  2. wilcadu 7 anni ago

    e donne sono un essere che DIO ci ha dato per amarle e curarle..
    l

  3. nicotiri 7 anni ago

    Si, vero che in certe situazioni se una donna percepisce del rancore nei suoi confronti da parte di uomini che frequenta, deve assolutamente reagire facendosi aiutare confidandosi e nel caso estremo denunciare. Purtroppo per

  4. gruppo44f 7 anni ago

    Condivido una parte della tesi che sostieni. A mio parere, per

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account