Un sorriso delicato, occhi espressivi, che vogliono mostrare al mondo la loro forza interiore: sono i segni caratteristici di moltissime donne, che, orgogliose di essere tali, non nascondono le cicatrici che portano con loro, simbolo delle violenze subite. Sono le nostre eroine, capaci di non provare imbarazzo nel mostrare a tutti il proprio viso sfregiato dall’acido, che le ha rese vulnerabili agli occhi di spietati aguzzini. In un minuto il loro aspetto è cambiato, ma la loro grinta non si è scalfita, al contrario, è emersa nella sua forma più potente: la denuncia. L’importante non è l’aspetto fisico, ma la bellezza dell’anima, che non può essere annientata, nemmeno con le armi più potenti. La situazione deve cambiare, nessuno può rimanere vittima di soprusi o violenze in generale, che lasciano dei traumi psicologici e fisici incancellabili. Le controversie si risolvono con il dialogo, confrontandosi e accettando eventuali rifiuti se non siamo corrisposti. L’amore non è sinonimo di vendetta o supremazia sull’altro, ma al contrario è saper condividere e pensare al suo benessere, considerandolo importante.

0
Commenti
  1. cecilia2014 4 anni ago

    Mi

  2. paolaaa 4 anni ago

    Penso sia l’articolo pi

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account