Un argomento, di cui sentiamo parlare molto ultimamente, è la violenza sulle donne. Non si sa bene come si è arrivato a questo punto. Si è sempre saputo che l’uomo tende a essere egoista, geloso, possessivo e presuntuoso nei confronti della donna, già dai secoli passati; specialmente se crede che una donna sia diventata sua, tramite il matrimonio o comunque in amore. Purtroppo l’uomo è anche invidioso sul lavoro perché la donna si è evoluta molto nei professionalmente, coprendo incarichi di prestigio. Aggiungerei anche l’evolversi della vita, difficile da vivere per via dei tanti problemi che si devono affrontare: come ad esempio la perdita del lavoro. L’uomo si sente un perdente, perché non riesce più a mantenere la propria famiglia e così, quando scatta l’interruttore, colpisce le persone a lui più vicine : le donne. Anche perché le donne sono moralmente più forti di loro, ma con questi sistemi bollenti si sentono minacciate nella propria incolumità e hanno paura per la propria salute quindi si sottomettono.
Per me non è giusto che un uomo faccia violenza su una donna, sia fisica che psicofisica, perché è una donna che ha dato loro la vita! C’è chi viene violentata, un’altra picchiata, altre ancora sfigurate con l’acido.
La ragazzina di quindici anni in India sarà per sempre traumatizzata; la donna qua in Italia ha avuto la forza di andare avanti e portare il suo ex-compagno davanti a un giudice.
Io mi chiedo come si può fare del male a un nostro prossimo. Le cause,a sentire i TG e i Social Network, sono tante: la gelosia, il possesso, l’egoismo, l’onnipotenza o il maschilismo. Bisogna vedere le situazioni che si creano tra le mura domestiche o tra le amicizie. Sta di fatto che si dà sempre una giustificazione a tali azioni. Ma le donne sono sempre state considerate inferiori all’uomo in tutto il mondo.
Che cosa farei per fermare questa follia? Non saprei dire, anche perché non si possono capire certi comportamenti e quindi non si possono fermare;possono a volte, essere premeditati e altri sono dettati dalla rabbia del momento. Carissime donne non bastano manifestazioni e solidarietà: bisogna imparare a buttare fuori tutto il coraggio che abbiamo dentro e imparare a difenderci per insegnare alle generazioni future che abbiamo una dignità, siamo esseri umani come gli uomini. L’unica cosa da fare è resistere per un futuro migliore e ricordare quelle povere donne che non ce l’hanno fatta.

1 Comment
  1. sarabee 7 anni ago

    L’articolo

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account