La ragazza che vedete nella foto si chiama Lucia Annibali.
Lucia Annibali è una donna, una gran donna di 37 anni, sfregiata dall’acido in casa sua, al ritorno dalla palestra.
Il suo fidanzato, avvocato come lei, sarebbe il colpevole.
Il motivo?
Sempre lo stesso.
Lei lo aveva rifiutato.
Lucia Annibali ha subito circa 8 interventi, e ancora non è finita.
E’ una di quelle donne che non rivedrà mai più il suo viso, il suo vero viso. Ma è anche una di quelle poche donne che nonostante tutto è riuscita ad accettarsi, a sentirsi bella, perché la bellezza supera l’aspetto esteriore.

Non è possibile che nel 2015 non si possa nemmeno lasciare un fidanzato per paura di venire ridotte così o, nel peggiore dei casi, di morire.
La vita ci offre infinite opportunità, e va bene lottare per amore, ma amare significa volere il bene altrui, e quando si passa a fare del male, quello non è amore.
Le donne sono esseri altruisti, responsabili, sensibili. Ma non appartengono agli uomini.
Ognuno appartiene a se stesso, ognuno ha la propria vita, anche quando si decide di legarla a qualcun altro.
Ma l’amore di una persona non ti da’ il diritto di trattarla come uno straccio, non ti da’ il diritto di possederla e farle quello che ti passa per la testa.
Le donne hanno bisogno di protezione e molte volte questi fatti succedono perché le denunce di stalking (perché è con questo che di solito ha inizio il tutto) non vengono prese sul serio.
Una donna che denuncia lo stalking deve essere protetta.
Denunciare è un segno di forza, non tutte ci riescono, per ciò io penso che, invece di lasciare questo genere di casi nel dimenticatoio, si dovrebbe partire proprio da essi.
Perché, va bene, ci sono un migliaio di omicidi da risolvere. Ma io penso che si debbano proteggere le persone vive che rischiano violenze, sfregi o la morte, prima di tutto.
E allora come fermare questa violenza?
Già dalle prime urla e sottomissioni le donne dovrebbero rivolgersi a centri di assistenza appositi.
Non tutti però ne sono a conoscenza ed è per questo che secondo me dovrebbero esserci azioni di sensibilizzazione tramite pubblicità mirate.
Perché le donne sono importanti e vanno protette.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account