In Italia sono 20 mila i ragazzi che ogni anno muoiono per problemi di alcolismo per una causa legata all’alcol, conquistandosi il primo posto come causa di morte tra gli adolescenti e i giovani di età compresa dai 15 fino ad arrivare ai 24anni. L’alcol non è altro che un veleno, una sostanza tossica, potenzialmente cancerogena e con la capacità di introdurre dipendenza. Al contrario di quanto si ritiene comunemente, l’alcol non è un nutriente e il suo consumo non è utile all’organismo o alle sue funzioni. Causa invece danni diretti alle cellule di molti organi, soprattutto fegato, sistema nervoso centrale, e in particolare alle cellule del cervello. Difficoltà motorie, di esposizione, memoria danneggiata, euforia, sonnolenza, tumori maligni e benigni (per esempio quello del seno), epilessia, disfunzioni sessuali, demenza, ansia, depressione: questi sono alcuni dei problemi o effetti che l‘alcol provoca sul nostro organismo.
Alcuni di questi problemi sono evidenti già dopo uno o due bicchieri, e si risolvono velocemente appena non si beve più. Ma, in certi soggetti che bevono molto e per un lungo periodo, certi deficit restano anche dopo aver raggiunto la sobrietà. Ma cosa spinge gli adolescenti a bere? Per gli adolescenti, l’alcol è un modo per allontanare i problemi, per aggirare i limiti imposti dalla realtà e per entrare in un mondo che offre sensazioni più piacevoli.
L’adolescenza è un momento particolarmente vulnerabile nella vita di una persona, è un momento di transizione, di cambiamento, alla ricerca di desideri e sensazioni nuove. A tutto questo si aggiunge anche il confronto con un mondo che sta diventando sempre più complesso e difficile da vivere. Ma un adolescente può e deve evitare l’alcol. Anche se è già “contagiato” da questa moda si può uscire grazie all’aiuto di persone care o di parenti. In conclusione bere non è la risposta.

1 Comment
  1. ross3 7 anni ago

    L’alcool

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account