La nostra società sta subendo dei cambiamenti che negli ultimi tempi sono sempre più evidenti. La guerra,l’odio,la sofferenza sono all’ordine del giorno. Accendiamo la tv e sentiamo sempre le stesse notizie inquietanti,di terrore. Eppure anche se,a volte non ce ne rendiamo conto, questi fatti potrebbero riguardarci molto da vicino. Ciò che mi sconvolge di più e ciò che mi rende perplessa è il fatto che non ci si può fidare di nessuno,che perfino la persona che dice di amarti è pronta a colpirti alle spalle quando meno te lo aspetti. La cosa che mi fa più paura è che sono proprio quelli che si considerano VERI uomini, a cadere in queste bassezze,perchè cercano di sentirsi onnipotenti sottomettendo chi,nel bene o nel male, darebbe la vita per loro. Da diverse ricerche emerge,infatti, che la violenza sulle donne sta aumentando in modo spedito rispetto agli ultimi anni e questa cosa mi meraviglia dato che,nonostante il nostro intelletto sia evoluto,si ricade sempre negli stessi errori,in modo molto più marcato. Eppure è proprio la donna l’essere che è sempre stato il soggetto di ogni canzone d’amore,di ogni poesia,di ogni pensiero,a subire quotidianamente maltrattamenti sul posto di lavoro,a casa,per strada,in qualunque angolo del mondo,senza un motivo ben preciso. I maltrattamenti più comuni sono quelli di tipo sessuale da parte dei mariti stessi che,per colpa di un amore trasformato in ossessione, sono pronti a manifestare violenza sempre, a qualunque ora del giorno e della notte,trasformando la vita della propria amata in un incubo. Quando accadono situazioni di questo tipo all’interno della coppia e della famiglia è come se mancasse un punto di riferimento,in quanto non esiste più il padre da prendere come esempio,il quale non viene più considerato come una roccia,pronto a proteggere la propria famiglia,ma come un temporale pronto distruggere ciò che con le sue mani ha costruito.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account