Sono davvero tanti i casi riportati, circa 1500 ogni anno, di donne che hanno subito maltrattamenti, violenze o che sono state rovinate dall’acido.
Come fa un essere umano a poter provare così tanto rancore e così tanta rabbia da essere spinto a compiere atti che segneranno per il resto della vita altre persone? Come si può pensare che per un semplice “no, non voglio sposarti” molte donne vengano sfigurate con l’uso di questa sostanza dannosa?
Sono andata a leggere alcune interviste di coloro che hanno avuto la forza di parlare e di denunciare tale azione; una risposta in particolare mi ha colpito.
Laxmi, 15 anni: “È come se il mio volto avesse preso fuoco, la pelle si scioglieva e si staccava dalla faccia. Urlavo dal dolore, piangevo, chiedevo aiuto ai passanti, ma nessuno è venuto in mio soccorso”.
Perché i passanti non hanno tentato di aiutarla? Nel video di questa settimana, il Quotidiano.net, ci ha richiesto come noi pensiamo di difendere tali donne e come pensiamo di poter migliorare questa situazione.
Io credo che un primo passo verso la salvezza sia proprio quello di condividere il più possibile esperienze di donne che hanno già dovuto subire questa tortura in modo da poter sensibilizzare le generazioni a venire, inoltre non bisogna nascondersi nel momento del bisogno..se qualcuno chiede aiuto DIAMOGLIELO!

1 Comment
  1. mikyreporter 7 anni ago

    Colpisce molto vedere le bellissime principesse con il volto sfigurato dall’acido. Purtrobbo anche i principi potrebbero essere violenti, infatti spesso il principe azzurro della situazione dopo un certo periodo in cui ha gi

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2023 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account