Continuamente attraverso i mezzi di comunicazione sentiamo parlare di delitti passionali dove il numero di donne uccise e violentate è in continua crescita, ciò accede perché molti uomini sopraffatti dalla gelosia verso la propria donna commettono attimi di follia sfigurando il volto di codeste. Casi sempre più numerosi vengono riscontrati nei paesi meno sviluppati come il Bangladesh, l’India, il Pakistan e alla Cambogia ciò accade perché molte donne osano ribellarsi al controllo maschile. Tale orrore è andato sempre più a diffondersi tra gli uomini con l’avvento del pensiero <>. L’acido muriatico viene usato da uomini che in Italia o in qualsiasi altro paese vogliono punire ferocemente la propria moglie o l’ex compagna ritenendo efficace ed inalienabile questo metodo. Le persone che commettono tali reati non sono degni di essere chiamati uomini perché chi esercita tale reato non è paragonabile neanche ad un animale. Oggi per fortuna all’interno di alcuni stati la donna ha acquistato i propri diritti anche se purtroppo ci sono ancora migliaia di donne che quotidianamente subiscono violenze , danni psicologici e morali dai propri mariti o dai propri fidanzati perché stanche di un rapporto ormai finito. Negli ultimi anni in alcuni paesi sono sorti numerosi associazioni , centri di denuncia con case di rifugio e centri d’ascolto con l’intento di aiutare le donne che continuamente sottomesse dai propri mariti non denunciano per paura. La maggior parte degli uomini commette questi delitti per possessione e gelosia della propria donna, ma ciò non giustifica. Questo fenomeno , che da anni ormai si cerca di combattere può avere ragioni individuali perché nasce da problemi psicologici, ma anche culturali perché influenzati dalla cultura sociale. Io penso che una soluzione vera e propria a tutto questo obrio non si troverà facilmente in quanto sono sempre più diffuse omertà e paura tra le vittime , sicuramente occorre denunciare qualsiasi tipo di violenza subita.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2023 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account