Nel mondo le donne sono sottoposte a violenza, in molte occasioni per sfoghi di rabbia o amori incompresi.
Spesso molti uomini per paura di perdere la propria compagna o per gelosia usano metodi primitivi, come ad esempio sfigurando i loro volti con sostanze
corrosive o utilizzando le mani.
Esistono già centri d’ascolto come “Telefono donna”, a cui chiedere aiuto anonimamente e dove le donne creano gruppi di ascolto per aiutarsi a vicenda, ma la maggior parte di loro, non ha il coraggio di denunciare questi fatti per paura di subirne ancora.
Da parte nostra, potremmo riconoscere queste violenze ed aiutare le donne stando loro vicino e aiutandole a capire che se segnalano chi causa questi soprusi non devono temere, perché possono contare sull’aiuto di persone competenti.
Il 25 novembre si celebra la giornata internazionale contro la violenza sulle donne; in molte piazze verranno raccolte migliaia di scarpe rosse per simboleggiare il sangue versato, il cuore delle donne, il dolore che le ha colpite.
Sarebbe opportuno riuscire ad educare le giovani generazioni sin dalla tenera età al rispetto reciproco e alla tolleranza.
Questi gesti estremi, che producono conseguenze devastanti su donne inermi non devono più accadere.

1 Comment
  1. dada1998 7 anni ago

    Complimentiiiiiiiiiii, hai trattato questo argomento difficile molto bene, io avrei messo qualche domanda rivolto al pubblico cosicch

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2023 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account