Al giorno d’oggi il numero delle donne sfigurate dall’acido è molto maggiore rispetto al passato. Questo acido molto spesso viene lanciato dalle quelle mani che magari una volta, in passato, avevano accarezzato il volto di quella donna, le mani dell’uomo che un tempo diceva di amare la sua ragazza. Vengono sfigurate ragazze giovani e meno giovani magari perché hanno rifiutato il corteggiamento di qualche uomo o magari perché hanno lasciato il loro ragazzo.
Molto spesso questo è il frutto di una società maschilista dove nella maggior parte dei casi il sesso prevalente viene considerato quello maschile e dove,nonostante si dica il contrario, l’uomo può tutto e la donna no. Ciò che spinge gli uomini a sfigurare le donne con l’acido è probabilmente, l’idea secondo la quale ella non si può difendere e non può far altro che subire senza reagire in alcun modo talvolta anche per paura, dal momento che la legge tutela molto poco i cittadini. Un modo per proteggere le donne da questo pericolo costituito dall’acido, probabilmente è la conversione di questa società prettamente maschilista, in una società nella quale realmente uomini e donne hanno gli stessi diritti e sono visti nello stesso modo.
In Italia inoltre, c’è da aggiungere anche che non si è pronti ad affrontare questo problema e questo perché i casi di donne sfigurate dall’acido sono iniziati ad essere frequenti solo recentemente. Ci sono tanti gruppi di aiuto per gli eroinomani o gli alcolizzati ma non ci sono dei gruppi che aiutino le donne che subiscono abusi tutti giorni, perché bisogna dirlo: la maggior parte delle volte sfigurare una donna con l’acido è l’ultimo di una serie di abusi che un uomo fa alla sua ragazza, è l’ultimo di una serie di schiaffi, pugni e scuse. Forse, allora sarebbe giusto aiutare queste donne a trovare il coraggio di denunciare gli uomini che le picchiano o solo le minacciano, bisognerebbe far capire a queste donne che una persona che ti picchia non ti ama,che di certo non è colpa loro e che non c’è nulla di cui vergognarsi. In Italia dunque si dovrebbero creare dei gruppi dove le donne che subiscono degli abusi si possano recare e parlare con persone che si trovano nella loro situazione così facendo magari, riuscirebbero a salvarsi prima di arrivare ad un punto di non ritorno.
In conclusione la percentuale delle donne sfigurate dall’acido può diminuire e per farlo bisogna solo adattare la nostra società alla realtà che viviamo.

0
Commenti
  1. eli01 6 anni ago

    Il titolo

  2. mikyreporter 6 anni ago

    Il titolo

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account