Molte donne sono vittime di violenze diverse: stupro (in gran parte), aggressioni, sfigurazioni con l’acido. Hanno timore a parlare ed esternare il loro dolore. Si chiudono in se stesse subendo in silenzio. In questo modo sono autodistruttive perché molte volte hanno paura e fuggono non affrontando il problema. Non bisogna permettere a nessuno di farci star zitte anche e soprattutto perché chi abusa delle donne è un debole. Uomini luridi e codardi. Un pezzo di canzone che amo esprime un po’ l’imbarazzo e la sofferenza ma la forza di reagire.
“Non ho più le forze dico soltanto che non ce la faccio,
anestetizzo qualsiasi emozione
la depressione mi ha preso in ostaggio e non penso voglia lasciarmi
c’è qualcosa dentro che mi sbrana
la realtà mi sta lontana
mi sento perso cerco me stesso dentro gli altri
poi il tempo passa ma ad un certo punto ho detto “adesso basta” che così si muore
quindi ho ripreso le forze ed ho scritto questa canzone”.
Penso che la cosa migliore sia parlare con qualcuno, sfogarsi anche se non è semplice. Scrivere una canzone, una lettera, esternare la propria sofferenza.
Anche se le ferite passano,le cicatrici restano.

Commenti
  1. Author
    aadornato97 7 anni ago

    @pasqua98 grazie delle belle parole. Sono felice di averti trasmesso il mio messaggio.
    @montemario42 ritengo che le parole della canzone siano profonde e parlino da sole senza alcun bisogno di una spiegazione!
    @gamberetta a mio avviso non bisogna dire “se fosse capitato a me avrei esternato e parlato con qualcuno” perch

  2. pasqua98 7 anni ago

    Trovo molto profondo il titolo iniziale cosi come anche la strofa della canzone che hai voluto condividere.
    Trattare di un argomento come questo non

  3. montemario42 7 anni ago

    Sono pienamente d’accordo con te.
    Trovo per

  4. gamberetta 7 anni ago

    Sono pienamente d’accordo con te. Molte donne vittime di violenze hanno paura di sfogare il loro dolore e i loro problemi con le persone che gli stanno accanto e che potrebbero aiutarle. Non so per quale motivo; se io venissi presa in giro, picchiata o violentata non mi chiuderei in me stessa. Magari non andrei a sfogarmi con la prima persona che passa per strada ma troverei il modo per tornare a vivere una vita felice. Queste donne che non si esprimono sono fragili e suscettibili, non devono aver avuto una bella vita e sarebbe bello trovare un modo per aiutarle e farle tornare DONNE.Come dici tu un bel modo sarebbe quello di scrivere lettere e canzoni come qella che hai presentato.

  5. adolfina 7 anni ago

    Tutto dipende da persona a persona, perch

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2023 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account