Fu creato dopo la guerra fredda, nella notte del 15 agosto del 1961 e divenne il simbolo piu crudele della storia della Germania. Per 28 anni, dal 1961 al 1989, divise non solo una città ma un intero paese, separando famiglie e gli animi all’interno della Germania. La città fu divisa in est e ovest: russi da una parte e alleati dall’altra. Nelle prime ore del 13 agosto del 1961 le unità armate della Germania dell’est interruppero tutti i collegamenti tra Berlino est e ovest e iniziavano a costruire, davanti agli occhi esterrefatti degli abitanti di tutte e due le parti, un muro insuperabile che avrebbe attraversato tutta la città, che avrebbe diviso le famiglie in due e tagliato la strada tra casa e posto di lavoro, scuola e università. Non solo a Berlino ma in tutta la Germania il confine tra est ed ovest diventò una trappola mortale. Nonostante il muro i berlinesi continuavano a provare a riunificare il paese. Ma l’URSS rafforzò il muro con cemento armato e sentinelle e il suo percorso superava 42 chilometri. Morirono molti civili nel tentare di attraversare il muro per ricostruire un sogno: il sogno di una Germania unita. Il muro è stato smantellato in 9 ottobre 1989 in seguito ad una rivolta pacifica dei berlinesi che da giorni stazionavano sotto le ambasciate. Il governo di allora dovette prendere atto della volontà popplare e permettere che il murofosse abbattuto pacificamente tra grandi festeggiamenti.

0
Commenti
  1. albusilenteh 6 anni ago

    non fare caso algli errori di scrittura , dovuti alla distrazione esterna di chi so io , comunquie non riuscendo a trovare una maniera per modificare i commenti mi scuso nuovamente per i rammarichevoli lapsus , cento punti al grifondoro per il provvidenziale intervento di minerva

  2. minervamc 6 anni ago

    Come il mio collega e amico ti ha scritto poco prima, sono molto d’accordo con ci

  3. albusilenteh 6 anni ago

    complimenti in poche righe sei riuscita pienamente a centrare l’argomento e a far pervenire al lettore le emozioni e la profonda sensibilit

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account