Posso senza ombra di dubbio dire che il mondo in questo momento non è nella migliore delle situazioni, tra guerre internazionali che continuano e disordini all’interno degli stati che si aggravano sta andando tutta rotoli. In più si aggiunge anche il clima che da un po’ ha preso la decisione di non seguire più le stagioni così ci ritroviamo gli stati uniti dalle Hawaii alla Florida sotto una coltre di neve, l’Italia alluvionata e gli stati Arabi in conflitto con tutti. Tutto questo viene lasciato nelle mani di noi giovani che tra scuola e pazza ricerca di posti di lavoro inesistenti abbiamo già i nostri problemi. Io penso che per un futuro migliore bisogni come prima cosa sensibilizzare i giovani rispetto ad argomenti quali l’ambiente e la comunità perché sono le prime cose che dovranno sistemare quando passerà tutto nelle loro mani. Perché ambiente e convivenza civile sono le cose che in questo momento sono più danneggiate e il mondo potrà ripartire solo quando le sue componenti principali saranno risanate. Da combattere assieme ai disordini comunitari c’è anche l’ignoranza e l’analfabetismo perché solo in una società informata e istruita frodi e imbrogli di ogni genere non possono esistere. Quindi ragazzi, studiare e impegnarsi è noioso, sono il primo ad ammetterlo, ma lo dobbiamo alla Terra e a noi stessi se vogliamo avere un futuro che ci permetta di fare quello che desideriamo e un mondo che non cerchi di autodistruggersi per scrollarsi di dosso quei fastidiosi parassiti che sono gli uomini. Possiamo ancora tornare ad essere gli invisibili abitanti che eravamo una volta.
“Gli imperi del futuro sono gli imperi della mente.” Cit. Winston Churchill.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account