Oggi il mondo ci viene consegnato a noi, la nuova generazione, con numerosi problemi da risolvere. È compito nostro risolvere i problemi in sospeso, ma per farlo occorre una buona istruzione.
Per buona istruzione intendo un’istruzione diversa da come lo è adesso. Dare spazio alla nostra creatività è un modo per migliorare la nostra educazione, cosa che tutt’oggi non è stimolata dalla scuola. Lo scrittore Ken Robinson dice:” la scuola uccide la creatività”, ed è vero secondo me.
Non possiamo pensare di risolvere problemi elaborando nuove idee se fin da piccoli non alleniamo la nostra mente a fare ciò. Far uscire da un istituto scolastico alunni con le stesse conoscenze e con lo stesso modo oggettivo di pensare, non aiuta certo il mondo e la società. Bisogna allenare questa capacità e accettare più spesso il diverso modo di pensare delle persone.
Il mondo è bello perché è fatto da persone diverse che pensano in modo diverso l’una dall’altra, ma se la scuola ci spinge a pensare qualcosa in un certo modo, ecco che la creatività svanisce.
La nostra educazione è troppo legata ancora al vecchio insegnamento, sia scolastico che familiare: tutti dovevano assomigliare a macchine, come se ci fosse un unico modello giusto di persona nella società. La nostra generazione ormai è già stata educata, ma speriamo che in un futuro i ragazzi possano essere stimolati a pensare continuamente cose nuove perché è solo con nuove idee che si può cambiare il mondo.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account