I tempi sono cambiati, questo non si può negare. Quella che anni fa era la vita di un giovane ragazzo alle prese con la natura e le avventure all’interno di essa, oggi, la vita di un adolescente è ben diversa, a causa dei cambiamenti che ci sono stati nel mondo negli ultimi vent’anni. Uno di questi è la tecnologia, uno strumento che ha invaso tutti noi umani e che ci “costringe” a non riuscirne a farne a meno. Nei paesi più sviluppati ogni uomo, donna, bambino e ormai anche anziano, possiede un telefono cellulare o dispositivo elettronico con cui occupa gran parte del proprio tempo. Un altro motivo del perchè i giovani purtroppo non si immergono nella natura, è quello della diminuzione del lavoro che ha a che fare con questa. Anni fa esistevano più lavori manuali praticati all’aria aperta, come il falegname, il contadino, l’allevatore di bestie e tanti altri. Questo fatto poteva essere un modo di spronare i giovani a sentirsi più parte dell’ambiente naturale, oggi i lavori sono più da ufficio e questo influenza molto la cosa. immergersi e stare a contatto con la natura è molto importante, sia per la socializzazione che per la salute, inoltre può farti imparare moltissime cose come “semplicemente” riuscire ad accendere il fuoco o orientarsi in mezzo a un bosco. E’ anche un modo per arricchire la propria esperienza e riuscire a muoversi meglio in diverse situazioni.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account