Al giorno d’oggi c’e poco contatto tra natura e i giovani, basti pensare che ormai i bambini passano più tempo a guardare la tv che al parco giochi.
Ormai siamo talmente tanto circondati da tecnologia e cemento, che la natura è passata in secondo piano.
Io sono stata fortunata, perché alle elementari avevo un progetto pomeridiano che consisteva nel tenere un orto con la mia classe.
Questo è stato molto bello e mi ha fatto comprendere come sia importante prendersi cura della natura.
Vedo ormai da troppo tempo che nelle scuole queste iniziative non vengono prese, e quindi i giovani non comprendono quanto sia meravigliosa e da curare la natura.
Ma non solo le scuole dovrebbero cambiare, ma anche i genitori, dovrebbero portare più spesso i loro figli a passeggiare in montagna, o a una scampagnata.
Questo porterebbe un avvicinamento tra giovani e natura, e il fatto che loro la vedano nel modo migliore, cioè da rispettare.
Così porteremmo i giovani a pensare in modo diverso, cosi che da grandi possano lavorare in armonia con la natura e non come succede troppo spesso ai giorni nostri in contrapposizione.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2021 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account