Le innovazione di quest’era stanno invadendo sempre di più il nostro mondo, dando spazio alla tecnologia. Con la tecnologia abbiamo potuto vedere quanti cambiamenti hanno fatto parte del nostro evolversi, e uno di questi è proprio la chat. E’una sorta di conversazione nascosta dietro degli schermi, che permette a tutti di dialogare anche se completamente distanti di molto. Una modernizzazione che ha determinato anche il cambiamento di molti atteggiamenti. Notiamo quindi che da quando esistono questi nuovi metodi di comunicazione tutti riescono ad adottare atteggiamenti che al di fuori dello schermo non risultano. Si riesce quindi a parlare con più fluidità, ma anche con meno sincerità si dicono cose che realmente non si pensano oppure ci si culla sul fatto di non avere quella persona di fronte,e quindi non avere il problema di doverla guardare negli occhi. In questo modo è anche vero che è difficile percepire le emozione di una persona , ma a risolvere questo problema ci sono le “emoticon”. Piccole faccine che permettono di percepire le sensazioni o gli stati d’animo della persona che si trova dalla parte opposta dello schermo.
Ma le emozioni possono nascondersi dietro delle piccole faccine tecnologiche?
Molte volte queste piccole faccine sono in grado di creare un sacco di disguidi, proprio perché vengono interpretate male. Non si riesce a capire le sensazioni reali, eppure si è convinti di si. Ma quante volte abbiamo mandato una emoticon sorridente e avevamo un umore pessimo, oppure quante volte abbiamo mandato un emoticon triste ma il nostro umore ere ottimo? Quotidianamente.
Realmente quindi queste emoticon possono davvero cambiare il senso di una frase di pochissimo . Certo un cuoricino come segno d’affetto fa sempre piacere ed è anche vero che la frase si legge con una sensazione diversa. Ma attenzione con queste emoticon. Possono essere dannose oppure sono completamente innoque?

0
1 Comment
  1. maddalena23 3 anni ago

    Sono concorde alla tua opinione,

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account