Se con lo sviluppo dei cellulari il modo di comunicare è stato nettamente
semplificato, a fianco della scrittura veloce ed abbreviata non poteva non
svilupparsi un sistema di interazione basato sui simboli: le emoticon.
Attraverso le cosiddette “faccine” si possono esprimere sensazioni e stati
d’animo senza il bisogno di scrivere parole o in alcuni casi intere frasi.
A volte le emoticon diventano necessarie, perché riescono a sintetizzare
espressioni che non renderebbero lo stesso effetto spiegate a parole; quindi
per un modo di comunicare così immediato come quello degli sms acquistano
una certa importanza.
Infatti attraverso le faccine possiamo addolcire la pillola quando dobbiamo
affermare qualcosa di doloroso, esprimere un sentimento in maniera più
esplicita, o semplicemente risultare più simpatici quando stiamo
intraprendendo una conversazione con qualcuno che non conosciamo molto.
Insomma, le faccine rendono la vita molto più facile a tutti coloro in cerca di
un efficace metodo di comunicazione, in modo di non doversi sforzare per
trovare le parole giuste.
Nasce così una nuova soluzione per risolvere i piccoli problemi che tutti gli
esseri umani si trovano ad affrontare quotidianamente.
Così come google traduttore e le varie enciclopedie online hanno sostituito i
vocabolari cartacei rendendo molto più veloce la ricerca e gli sms hanno
inaugurato un modo di interagire immediato, anche le emoticon hanno
contribuito a rendere la comunicazione più rapida.
C’è chi pensa che in questo modo il linguaggio venga fin troppo semplificato,
riducendo la buona e corretta scrittura che si è sviluppata nei secoli a delle
semplici faccine, come nell’antico Egitto.
In realtà però, le emoticon nascono come accompagnamento al testo scritto,
come se si aggiungesse un’espressione del viso umano alla frase che stiamo
componendo.
La comunicazione così risulta più veritiera, dato che attraverso l’uso delle
faccine ci si può immaginare la reazione dell’altra persona come se ci stessimo
parlando dal vivo.
Quindi trovo che non ci siano aspetti negativi nell’utilizzo delle emoticon,
anche se ovviamente bisogna prestare attenzione a non confonderle e
soprattutto a non usarle in contesti formali, altrimenti risulterebbero di certo
inopportune.​
In situazioni informali, invece, diamo libero sfogo ai sentimenti e rendiamo più
simpatici i freddi testi dei messaggi.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2018 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account