Nelle scuole di tutto il mondo, dalle medie alle superiori, l’uso del cellulare nelle ore di lezioni rappresenta uno dei punti di discussione nell’ultimo decennio. L’utilizzo di dispositivi digitali, sia negli studenti che nei professori, si sta via via intensificando rispetto ai decenni passati. Ciò si spiega, naturalmente, per la rivoluzione tecnologica che ha colpito il mondo negli ultimi 30 anni. Rivoluzione che ha portato nei banchi di scuola un ulteriore strumento, il cellulare.

L’uso asfissiante che se ne va durante l’ora di lezione, da parte degli alunni, porta i professori a prendere giusti provvedimenti per contrastare il loro utilizzo.  Quasi sempre si viene “minacciati” di sequestro o provvedimento disciplinare nel caso si venga scoperti utilizzare il cellulare. questi provvedimenti sono, però, utili o inefficaci?

I provvedimenti sono, certamente, utili affinché il ragazzo non si distragga alla lezione e presti il massimo ascolto alla spiegazione o interrogazione. Per contro, deve essere morale anche per i professori, non utilizzarlo eccetto, naturalmente, problematiche di aspetto sanitario piuttosto che famigliare.

La legge, comunque, sancisce, tramite la direttiva 104 del 2007 dello statuto degli studenti che: ogni studente ha il dovere di non utilizzare il telefono in classe. In caso contrario sarà soggetto a provvedimenti disciplinari appositamente individuate da ciascuna istituzione scolastica. Partendo dalla base della legge, la quale implica che la scuola, in ambito di regolamentazione d’istituto, debba prendere, in autonomia, i propri provvedimenti per contrastare tale fenomeno; proporrei diversi provvedimenti che servano per contrastare l’utilizzo dei cellulari:

  1. L’utilizzo dei telefonini in classe è severamente vietato, sia per alunni che per professori.in caso di necessità deve essere dovere dell’alunno avvertire il docente della problematica per cui necessita l’utilizzo del cellulare. L’insegnate, se anch’esso necessita dell’utilizzo, deve avvertire i propri studenti.
  1. Qualora l’insegnate scopra l’alunno ad utilizzare il telefono, ha il compito di sequestrarlo e portarlo personalmente dal preside. Il proprietario dovrà recarsi coi propri genitori( o chi esercita la potestà genitoriale) in presidenza per la restituzione del telefonino.
  2. L’insegnante, se dovesse scoprire un alunno utilizzare il telefonino, deve, oltre al sequestro, provvedere a esercitare provvedimenti disciplinari contro l’alunno.
  3. L’utilizzo del telefonino, esente in caso di necessità, si ha solo e solamente quando l’insegnante ne richiede il suo utilizzo al fine della lezione

Nonostante ciò rimane dovere morale dell’alunno preservare l’utilizzo del telefonino, in classe, solamente in caso di necessità

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account