I graffiti e i murales sono raffigurazioni artistiche secondo alcuni, mentre sono scarabocchi e simbolo di inciviltà secondo altri.
Girando per le strade delle città si vedono costantemente scritte e disegni strani sulle pareti di case, cinema, monumenti (addirittura) o altro: siamo sicuri che non rappresentino un problema per i cittadini?
Spesso i murales vengono usati per scopi personali o sfogo, ma alcune volte anche come propaganda politica; i graffiti, invece, non servono per fare propaganda e sono perlopiù frasi o parole (più specificatamente “tag”) a cui l'”artista” (ammesso che lo sia) può dare una forma di scrittura, una grandezza e alcuni tratti particolari per caratterizzare la frase/parola. Il mio pensiero su questo fatto è abbastanza semplice: i murales possono essere fatti solo in luoghi prestabiliti e accordati con i proprietari di un terreno; in caso di murales creati su mura di edifici privati (o simili) dovrebbe scattare una sanzione. Perché è vero che questi “affreschi murali” arricchiscono i punti più morti di una città, ma è pur vero che in molti casi danneggiano la bellezza di monumenti o palazzi antichi.

1 Comment
  1. lucchinimart 7 anni ago

    Ciao stev99 dalla redazione veni vidi vici!
    Penso che tu abbia scritto un bell’articolo, hai dato una chiara idea della differenza tra murales e graffiti ed il loro scopo.
    Mi

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account