Un murale (in spagnolo mural; il plurale murales è spesso usato in italiano, anche erroneamente come singolare) è un dipinto realizzato su una parete, un soffitto o altra larga superficie permanente in muratura. Il termine indica anche il genere di pittura, ed è divenuto celebre per il movimento artistico messicano noto come “muralismo”.La pittura murale può essere realizzata con varie tecniche, come l’affresco, realizzato dipingendo con pigmenti stemperati in acqua su intonaco fresco.Soggetti dei murales possono essere spesso raffigurazioni allegoriche ispirate a motivi e ideali politici.I murales non coincidono con il graffiti writing. Quest’ultimo, come dice il termine, prevede come base la raffigurazione e lo studio di lettere che poi si sviluppano ingrandendosi e presentandosi in diversificate realizzazioni. I murales invece indicano dipinti non necessariamente legati ad un “lettering”.Nati da movimenti di protesta, come libere espressioni creative della popolazione contro il potere, nel tempo hanno sempre più assunto valore estetico, conservando talvolta anche un valore sociale. Oggi sono spesso commissionati da enti pubblici ed evidenziano l’identità del luogo, divenendo anche richiamo di turismo culturale.
Molti li vedono come spazzatura e come un modo per rovinare ancora di più dei muri che erano già brutti di proprio. Ma io non la vedo così. Insomma, ognuno ha il proprio modo di esprimersi e di fare arte, quindi perché non dare la possibilità a questi giovani, di avere uno spazio tutto loro? Di avere un posto dove esprimersi, e magari dove possono migliorare l’aspetto della città.

0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

    Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2022 osservatorionline.it

    Effettua il login

    o    

    Hai dimenticato i tuoi dati?

    Crea Account