Il problema non è il punto esclamativo! I colpevoli dell’impoverimento della lingua sono gli sms e le espressioni dei social che influiscono sempre più sulla scrittura in modo negativo, in quanto determinano la perdita di molte capacità e l’aumento del rischio di commettere errori di scrittura. Ricollegandosi al provvedimento che ha vietato l’uso dei punti esclamativi nelle scuole inglesi, molte sono state le riserve espresse dagli esperti, indipendentemente dal suo uso sui social o in un compito in classe. Infatti il punto esclamativo contribuisce a rendere un discorso più vivace, conferendo espressività e ritmo. A rovinare la scrittura sono più che altro gli sms e i social che, preferendo un linguaggio breve e conciso, utilizzando spesso abbreviazioni o slang e correggendo automaticamente gli errori, non permettono di avere più piena padronanza della lingua. Inoltre la maggior parte degli errori di scrittura derivano proprio dal linguaggio utilizzato nelle conversazioni attraverso gli smartphone, in quanto qui i ragazzi scrivono senza punteggiatura non applicando le regole grammaticali. Importante è quindi saper distinguere la scrittura di sms da quella di un testo e non dimenticare mai di attenersi alle regole della propria lingua.

0
0 Commenti

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2019 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account