Ecco: abbreviazioni, sigle, parole senza doppie e senza l’acca, punti esclamativi. Questo è il nuovo linguaggio di noi giovani. Oggi comunicare via sms o chat o whatsapp è sempre più popolare e va sempre crescendo. In questo modo ì si esprime un proprio linguaggio e per i sentimenti ci sono le faccine con le emozioni del momento. Si abbreviano parole, se ne coniano delle nuove e si usano tanti punti esclamativi per sottolineare di più il pensiero trascritto, i giovani scrivono in questo modo per distinguersi dagli adulti e per identificarsi con un gruppo. Con gli amici si parla in maniera diversa da quella usata con i propri genitori e insegnanti, insomma con gli adulti non si parla come con gli amici. Un tempo il linguaggio giovanile era solo parlato ora con la tecnologia , è diventato quasi soprattutto scritto e la sfida dei giovani è adeguare il loro linguaggio al contesto in cui si trovano, cioè a scuola sicuramente non si possono scrivere certe espressioni abbreviate o sgrammaticate, specialmente in un tema, per cui si deve fare una distinzione tra la presentazione del proprio discorso a scuola e quella con i propri amici. L’abilità sta nell’adeguare il proprio stile di scrittura alle diverse situazioni. Uno studio fatto da un’università svizzera cinque anni fa, ha rilevato che il digitale non ha influito negativamente sulle competenze di scrittura degli studenti. E’come se venisse scisso ciò che si utilizza nella vita private da ciò che si scrive a scuola. Insomma pare che i messaggini non abbiano danneggiato l’ortografia appresa dai ragazzi nell’insegnamento scolastico e che non ci sia l’impoverimento della lingua come denunciato dagli adulti. Io comunque credo come già spiegato largamente nel post di settimana scorsa riguardo alla capacità di scrivere con carta e penna e rinunciare agli sms per un giorno, che ci si possa esprimere parlando e scrivendo correttamente, senza farci prendere dalla brama di sintetizzare i nostri pensieri con abbreviazioni e scorrettezze ortografiche.

0
Commenti
  1. miristella 5 anni ago

    Ciao, nicotiri!
    Hai scritto un ottimo elaborato, ben strutturato, molto chiaro, scorrevole e privo di errori ortografici. Hai perfettamente ragione, possiamo benissimo servirci dei nuovi mezzi digitali senza dire addio alla corretta punteggiatura e alla buona scrittura.
    Buon lavoro.

  2. mora1707 5 anni ago

    Ciao, inizio col dire che il tuo post mi

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account