In Inghilterra, il Ministero dell’Istruzione ha vietato l’utilizzo del punto esclamativo, soprattutto alle scuole elementari. L’unica eccezione si ha nelle frasi che iniziano con “how” o “what”, come ad esempio “How exciting!” (com’è emozionante) o “What a lovely day!” ( che bella giornata!). La motivazione? I bambini abusano dei punti esclamativi e, a causa del continuo utilizzo dei social e di Whatsapp, non sanno più cosa sia la vera scrittura. In poche parole, va evitato lo stile dei social. Secondo alcuni professori, le nuove normative sono ridicole e difficili da applicare, perché i bambini vedono punti esclamativi in tutto ciò che leggono, e si trovano nell’età in cui dovrebbero sentirsi liberi di sperimentare con la scrittura.
Ma la vera domanda è: il linguaggio di Whatsapp, degli sms e dei social rovina o arricchisce la scuola? Io penso che danneggi la buona scrittura poiché si utilizzano spesso abbreviazioni e comunque non si bada alla corretta ortografia omettendo ad esempio apostrofi, accenti, segni di punteggiatura…

0
1 Comment
  1. miristella 4 anni ago

    Ciao, Rosi 01!
    Hai scritto un ottimo elaborato, complimenti. Anche se in modo molto breve, hai espresso in modo chiaro la tua opinione senza commettere errori ortografici. Anche io penso che la scrittura digitale danneggi, almeno in parte, il modo di scrivere, soprattutto dei giovani.
    Buon lavoro.

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account