Al giorno d’oggi non si vedono molte persone a cui piace davvero la lettura, che si calano completamente nella storia letta. Eppure i dati ci dicono che nel 2015, in Italia, la lettura è aumentata del +1,06%, grazie sopratutto ai ragazzi d’età compresa tra i 15 e i 17 anni. Ma che cosa vogliono farci capire questi dati? Sicuramente che forse i ragazzi hanno capito che leggere un buon libro è molto meglio che rimanere davanti lo schermo di un telefono o di un computer.
Sinceramente io sono un ragazzo che legge ma allo stesso tempo non tantissimo, nonostante sia abbastanza consapevole del fatto che leggere non mi farebbe male assolutamente, anzi mi aprirebbe la mente e arricchirebbe ancora di più la mia cultura. Devo anche ammettere che questo pensiero viene sempre più alimentato anche dalle scuole, compresa la mia, che ci assegnano sempre più libri da leggere durante le vacanze e non solo. Per quanto riguarda il genere, posso affermare che non ho un tipo di libri che leggo maggiormente. Nonostante ciò posso dire che preferisco i libri d’azione o d’avventura, probabilmente perché anche i film li adoro di questo genere. Insomma vorrei concludere tutto ciò dicendo che bisognerebbe leggere molto di più soprattutto per noi stessi, perché non c’è niente di più bello che alimentare la propria cultura.

0
Commenti
  1. aliceca00 5 anni ago

    Ciao filo00 dalla redazione Cervelli in fuga!!
    Ho letto il tuo articolo, che devo dire, mi

  2. maria28 5 anni ago

    Ciao dalla redazione ” Gli Articolo 21 ” .

    Complimenti , il tuo articolo

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account