Dalla Preistoria l’uomo cerca di dare delle risposte e delle spiegazioni ai fenomeni che accadono intorno a lui. Così nasce la fede in qualcosa di più grande e potente che governa l’ordine cosmico ed è in grado di aiutare gli uomini qualora si trovassero in difficoltà. L’uomo, infatti, non è un essere onnipotente e onnisciente, per questo ha bisogno di “aggrapparsi” a qualcosa o qualcuno che lo possa aiutare. Questa ricerca di aiuto talvolta sfocia nell’estremismo che non porta mai a nulla di buono. Possiamo considerare le sette sataniche una forma di esagerazione della fede e una ribellione estrema ed insensata alla religione convenzionale. Il satanismo prevede pratiche barbare e cruente, riti sacrificali e somministrazioni di droghe narcotizzanti nella maggior parte dei casi. Purtroppo i componenti di queste sette adescano uomini, donne e adolescenti ignari, sfruttando le loro debolezze e promettendo risposte ai loro quesiti esistenziali. Così alcune persone si trovano coinvolte in situazioni spaventose e più grandi di loro e sono costrette ad appellarsi alle Forze dell’Ordine al fine di riuscire ad uscirne. In Italia, nell’ultimo anno, il numero di vittime che chiedono aiuto è aumentato esponenzialmente, facendo suonare un campanello d’allarme riguardo alla pericolosità del rimanere coinvolti nelle varie sette sataniche. Ritengo che questo sia un vero pericolo, poiché sfrutta le più intime debolezze umane per imprigionare delle persone in una vera e propria gabbia di convinzioni assurde e segreti pericolosi. La fede è e deve rimanere qualcosa di strettamente personale, da condividere ma non imporre.

0
Commenti
  1. pasqua98 5 anni ago

    Ciao, dalla redazione i Carbo..Idrati!
    Ho trovato il tuo titolo diverso e originale, il tuo elaborato invece

  2. panna1 5 anni ago

    Sono d’accordo con te, bisogna prestare molta attenzione a riguardo di questi argomenti che stanno divenendo sempre pi

Lascia un commento

CONTATTACI

Hai una domanda? inviaci una e-mail e ti risponderemo al più presto.

Il Quotidiano in Classe è un'idea di Osservatorio Permanente Giovani-Editori © 2012-2020 osservatorionline.it

Effettua il login

o    

Hai dimenticato i tuoi dati?

Crea Account